mercoledì 9 gennaio 2013

l'inizio

Inizia un nuovo anno.
C'è, nell'inizio, tutta la tenerezza, la delicatezza di una cosa appena nata, senza una precisa identità, senza sicure certezze, il nascere cui segue il puro divenire.
Non ci sono colori definiti, solo tenui, cangianti sfumature.
E' davvero un inizio, non la ripetizione di schemi già vissuti.
Andiamo incontro all'inatteso, forti delle nostre convinzioni e delle nostre esperienze.
Abbiamo davanti dodici mesi: sono tanti, sono lunghi, possono accadere tante cose, belle e meno belle.
Avremo comunque la possibilità di vivere, di diventare più consapevoli di noi stessi, di creare nuove relazioni e modificare quelle già esistenti, e forse sarebbe bene che sentissimo tutto ciò come una grande opportunità e che non lo dessimo troppo per scontato, perchè il 2013 non è mai esistito prima e, dopo, non esisterà mai più.

9 commenti:

zefirina ha detto...

oggi mi viene da pensare una cosa scontata e cioè che ogni inizio abbia già insito in sè o perlomeno in divenire, una fine

Sandra M. ha detto...

..o detto in altro modo ...cogli l'attimo. O no?

Renata_ontanoverde ha detto...

Il bello di una nuova pagina è poter riscrivere e progettare la nostra vita, a volte basta nella nostra mente, per poter cambiare e lasciarci indietro il vecchio o sopportare meglio il fardello!

teoderica ha detto...

Io aspetto sempre che ogni anno sia nuovo, ma ho sempre troppe aspettative e non mi accontento mai, anzi mi accontento forse è qui che sbaglio :)

curlydevil ha detto...

Io più che in queste date simboliche credo nei cicli personali di ognuno di noi: ognuno può avere vari inizi, in ogni periodo dell'anno, quando sente il bisogno di diventare più protagonista della propria esistenza.

Onlypatty ha detto...

Quest'anno voglio fare la cosa più difficile per me, non lasciare che sia il timore a decidere sempre tutto; piuttosto l'entisiasmo o la curiosità.
Il tredici è il "mio numero", chissà che mi aiuti nell'impresa!
Ciao!

Onlypatty ha detto...

Ehm,..entusiasmo.Comincio bene...;-)

Graziana ha detto...

La ciclicità del tempo e non solo la linearità ... Il cammino che ciascuno di noi percorre è indipendente dal calendario; esso va pensato, ripensato, e ridefinito incessantemente affinché ogni anno ci lasci più cresciuti, sempre uguali, ma sempre diversi. L' inizio di un nuovo anno è solo una delle innumerevoli occasioni di ripensamento forte. Grazie per la riflessione e Buon Anno!

Pierluigi ha detto...

Il lato positivo di un inizio è che contiene già una fine.