lunedì 24 settembre 2012

figli di genitori separati

Uscire da una separazione coniugale in avanti, cioè accedere ad un livello di vita migliore del precedente, è difficile per chi si separa e ancor più per i figli, che si trovano a dover fare i conti con una situazione inaspettata, che modifica pesantemente gli equilibri affettivi e organizzativi della loro famiglia.
D'altra parte esistono situazioni nelle quali la separazione è un male necessario, perchè i coniugi non riescono più a trovare un senso al proprio stare insieme e la vita quodiana rischia di diventare un inferno. In questi casi è fondamentale salvaguardare i figli, cercare di non far pesare loro addosso le piccole o grandi negatività che ogni separazione comporta. Quando i due genitori riescono a fare ciò, i figli possono continuare a crescere senza troppi traumi, anzi, a volte, meglio di prima.
A questo proposito non dimenticherò mai un aneddoto che mi raccontò un'amica che si separò circa quarant'anni fa, quando suo figlio aveva due anni e che dopo tre anni iniziò a convivere con un altro uomo, che andò ad abitare da lei e fece in pratica da secondo padre a suo figlio.
Il bambino frequentava la prima elementare, la maestra non sapeva nulla della separazione e al primo colloquio con la mamma, dopo alcuni mesi di scuola, con molto tatto e circospezione raccontò alla mamma che il figlio, molto tranquillamente, andava dicendo in giro ai compagni di classe che lui aveva due papà.
La mamma spiegò qual'era la sua situazione famigliare, le disse della separazione e del nuovo compagno che viveva in casa sua e chiese alla maestra se le sembrava che suo figlio avesse dei problemi a causa di ciò.
La maestra rispose che, a suo parere, il figlio della signora non aveva alcun problema, ma che i problemi li avevano gli altri bambini.
La mamma non capì e chiese spiegazioni alla maestra, la quale rispose che molti altri bambini andavano a casa dai rispettivi genitori, piangendo e lamentandosi del fatto che loro avevano un padre solo mentre l'altro bambino ne aveva due, chiedevano il perchè di quell'ingiustizia e se potessero avere due papà anche loro!
In questo caso, l'affetto sincero che era rimasto tra i coniugi separati, unitamente a quello che il nuovo compagno della madre aveva regalato a lei e al bambino, avevano fatto sì che il bambino non solo non si sentisse svantaggiato rispetto ai suoi compagni, ma addirittura fosse da loro percepito come più fortunato!
Per la cronaca, quel bambino ha compiuto da poco quarant'anni, si è fatto una sua famiglia e pare che sia diventato un ottimo marito e uno splendido padre di due bambini.  

6 commenti:

zefirina ha detto...

io sono figlia di separati, all'epoca ero una dei pochi ad avere una situazione del genere, la separazione dei miei non è stata tranquilla, la guerra dei roses al confronto è un film per bambini, forse per questo quando è successo a me ho cercato di renderla il meno traumatica possibile per mia figlia, e anche dopo il rapporto è stato sempre civile, ci siamo poi tutti e due risposati e io ho avuto altri due figli, siamo il tipico esempio di famiglia allargata, anche se alle volte io scherzando dico che più che allargata questa famiglia mi sembra allagata, nessuno dei miei figli ha mai avuto grandi problemi nel condividere questa situazione, anzi quando il mio secondo marito è morto, il fatto di avere tutte queste relazioni parentali li ha aiutati, ma la reazione che mi piace di più è quella di mio nipote (il figlio di mia figlia) per il quale è assolutamente normale avere il doppio dei nonni e dei bisnonni rispetto agli altri compagni (anche i genitori di mio genero sono separati e risposati) anzi lo percepisce come un valore aggiunto

zefirina ha detto...

p.s. nel mio condominio invece c'è chi si lamenta perchè sul citofono, il mio peraltro, io ho tre cognomi!!!!

Debora ha detto...

Ciao e piacere di conoscerti, mi è piaciuto molto il tuo post, soprattutto tratta un'argomento che al giorno d'oggi non è poi così raro..purtroppo. Ma questo come dici tu non vuol dire che non si possa essere un buon padre o una buona madre. Ciao

teoderica ha detto...

...una bella storia che ha il sapore di una favola.

ivana ha detto...

Una bella storia a lieto fine,forse tra poche.

Vilma Bellucci ha detto...

Un argomento attuale, si sente sempre più spesso parlare di separazioni. Un post molto bello, che mi ha strappato pure un sorriso
Molto bello ed interessante questo blog